,

Bra Fitting: perché tutte le donne dovrebbero conoscerlo

 

In un altro articolo spiego che il Beach Fitting deriva dal bra fitting.

E allora mi sono chiesta: ma quante donne, davvero, sanno cos’è il bra fitting?

Praticamente nessuna. Quando esco, provo a chiederlo ad amiche e conoscenti.

Oramai è quasi una fissa: quando mi presentano una donna o ragazza, sembro un’invasata: “scusa, posso chiederti una cosa? Tu sai cos’è il bra fitting?”.

Molte mi guadano storte, altre alzano il sopracciglio. La maggior parte di loro non ha la minima idea di cosa si tratti. Ciò che non cambia mai è l’attenzione che prestano gli uomini non appena intuiscono si parli di seno. Poi l’argomento volge sul tecnico, e loro -irrimediabilmente- perdono l’attenzione. Ma che ci vogliamo fare? Sono uomini…

Torniamo a noi e al bra fitting. Nel mio incessante domandare, mi sono resa conto che quasi nessuna donna conosce i santi principi della vestibilità del reggiseno. Vuoi per la gioventù incosciente, vuoi per gli acquisti effettuati principalmente nella grande distribuzione, vuoi perché si tratta di un argomento poco divulgato. Il risultato è che questa disciplina, che dovrebbe essere insegnata a tutte le donne, viene perlopiù ignorata dalla maggior parte di noi. In alcuni casi si arriva ad avere disturbi e disagi, come inspiegabili mal di testa e mal di schiena. A quel punto, confrontandoci con le amiche o cercando risposte su Google (santo subito), qualche anima pia ci illumina sul possibile problema.

Secondo l’osteopata Jon-Morton Bell, “se una donna si piega in avanti a causa del sostegno del seno insufficiente, il trapezio si stira eccessivamente provocando mal di testa. Tutte le radici nervose vengono dalla parte posteriore; i disturbi di stomaco e stanchezza sono risultati piuttosto comuni di uno scarso benessere della schiena.”

Oggi le cose stanno cambiando, anche Barbara D’urso ne ha parlato su pomeriggio5. Quindi forse l’attenzione delle donne per questo argomento sta crescendo.

Allora, eccomi qui a fare un po’ di chiarezza per voi.

Cercherò di riassumere in pochi punti l’essenza del bra fitting e del perché una volta incontrato diventerà il vostro migliore amico.

 

1. Il fitting del bra ovvero la vestibilità del reggiseno.

C’è chi lo definisce metodo (wikipedia), chi arte. Per noi il bra fitting è una disciplina, cioè materia d’insegnamento e di studio (spec. a un livello scientifico) e di applicazione pratica. [def. da Google]

Materia di insegnamento perché esistono corsi (quasi tutti all’estero e in lingua inglese) per impararne i principi. Di studio, perché è una materia in continua evoluzione. E di applicazione pratica, perché decine di negozi, ogni giorno, applicano questi principi per aiutare le donne a scegliere correttamente la propria biancheria.

Si tratta di una metria ricca e complessa, che parte dallo studio del reggiseno fino ad arrivare alla prova pratica nel camerino.

 

2. Chi trova il bra fitting trova un tesoro

picture credits: Gaya Boutique Milano

 

Ovvero del perchè ogni donna dovrebbe conoscerlo e applicarlo. O almeno, rivolgersi a qualcuno che lo sappia fare davvero.

Quando arrivi a casa la sera non vedi l’ora di slacciarti il reggiseno e lanciarlo via?

Passi la giornata a raccogliere spalline che cadono?

Ti ritrovi con irritazioni inspiegabili tra il seno e l’ascella?

Probabilmente stai indossando un reggiseno sbagliato.

 

Attenzione: NON ESISTE UN REGGISENO SBAGLIATO IN ASSOLUTO, ma esiste un reggiseno sbagliato per la TUA forma del corpo.

Quando capisci quali sono i punti chiave, poi diventa semplice e immediato. Se il reggiseno è giusto per te lo senti dal comfort: sei comoda, quasi non lo senti, la tua postura migliora e i movimenti di spalle braccia e schiena ne risentono in modo positivo.

Sei curiosa di conoscere questi punti chiave? Vediamoli insieme.

 

3. Il bra fitting crede nella democrazia: ogni donna merita un reggiseno che garantisca sostegno, comfort e sensualità.

Picture via Pixabay

Il bra fitting studia il modo per sostenere il peso del seno minimizzando l’impatto che esso ha su spalle e schiena. L’obiettivo principale che si pone è quello di mantenere il seno in posizione orizzontale, ben ancorato vicino al resto del busto e fisso, cioè che rimanga in posizione anche quando ci muoviamo (avete presente quella brutta sensazione di dover rincorrere le proprie tette? Ecco).

Per ottenere questo risultato, che sembra anche abbastanza banale, ci sono molti passaggi.

Nella produzione, anzitutto: le aziende fanno studi approfonditi per creare modelli sempre nuovi. Le modiste si consacrano alla ricerca dei tagli che diano l’avvolgenza perfetta. Le sarte si sfiancano alla macchina per elasticizzare le cuciture e renderle al contempo invisibili. I tecnici si scervellano sul testare materiali sempre nuovi, più leggeri, più traspiranti, più resistenti.

Dietro un semplice reggiseno si nasconde un mondo di studio e di lavoro faticoso, che richiede esperienza e know-how.

Ma non solo la produzione è importante: una volta che arriva nelle tue mani, il reggiseno deve essere utilizzato correttamente. Dalla scelta della taglia al modo corretto di indossarlo, una bra fitter ti guiderà passo passo nella scelta del reggiseno perfetto.

 

4. Il bra fitting si basa su misurazioni oggettive e metodo scientifico

Dicendo che il bra fitting è una disciplina, vogliamo proprio sottolinearne l’aspetto scientifico.

Il brafitting si basa su misurazioni oggettive, calcoli semplici e tabelle di misurazione/conversione.

E come ogni metodo scientifico, richiede una verifica finale che – ripetuta allo stesso modo – porti sempre lo stesso risultato. Nel nostro caso, una donna felice!

Gli step sono molto semplici:

  • prendi la misura in centimentri del giro del tuo seno
  • prendi la misura in centimentri del giro del tuo busto (proprio sotto al seno)
  • Scarica l’app (a questo link) per scoprire la misura esatta. Oppure se preferisci fai il calcolo in questo modo:
    • applica la formula: cm giro seno – cm giro sottoseno = coppa espressa in lettere.

  • Prendi un reggiseno che abbia la giusta dimensione di coppa (espressa in lettere) e di giro (espressa in centimetri o altre misure)
  • Verifica i seguenti elementi:
    • il ferretto/la coppa avvolge totalmente il seno, anche lateralmente
    • l’elastico avvolge il busto senza stringere e senza essere lasso. Devi poter infilare massimo 2 dita tra l’elastico e la pelle.
    • il giro dell’elastico rimane orizzontale e non si sposta nemmeno alzando le braccia
    • la spallina è regolata correttamente, non segna sulla pelle delle spalle
    • non si forma l’effetto delle 4 gobbe sul seno
    • il ponte (tessuto che congiunge le due coppe davanti) aderisce bene al busto

 

5. Chi fa da sé… fa più fatica!

Fatti aiutare. Questo processo è abbastanza lungo e se non hai l’occhio allenato qualche dettaglio potrebbe sfuggirti.

Molte boutique e negozi specializzati offrono – gratuitamente – una consulenza di questo tipo (qui trovi un elenco di alcuni specializzati sui costumi).

Non esitare a rivolgerti a un centro specializzato: chi meglio di un esperto che vede donne tutti i giorni può aiutarti?

Ora che conosci il meraviglioso mondo del bra fitting, lasciati guidare, impara i trucchi del mestiere e applica sempre questi principi.

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *