,

7 errori da evitare quando scegli il bikini

Avete presente cosa succede in spiaggia? Certo si va al mare per fare tante cose: relax, bagno, sole, passeggiata, pisolino…

Poi a un certo punto iniziamo ad annoiarci ed ecco che parte l’osservazione della fauna!

Dai, lo facciamo tutte: ogni tanto si vedono dei veri e propri orrori! Seni cadenti raccolti in triangoli che chiedono pietà, fianchi strizzati da fiocchi con risultati da insaccato e pance che dondolano ipnotiche sopra gli slip.

Chiariamoci subito! Non sto dicendo che sia necessario avere il fisico di Gigi Hadid o di Miranda Kerr, eh. Dico solo che, con le giuste dritte, si può stare meglio, più comode e più belle anche in bikini.

Vediamo insieme i 7 errori fatali da evitare quando scegli un bikini:

 

 

1. Il triangolino NON è tuo amico!

Ora, io lo so che il triangolo non imbottito è il bikini per eccellenza, idealizzato a partire dagli anni 70 in avanti.

Ma….

c’è un ma grandissimo: la triste verità è che quasi nessuna donna si può permettere un semplice triangolo.

A meno che il tuo seno non sia rifatto da un ottimo chirurgo, tu abbia meno di 25 anni o abbia la fortuna di avere una taglia molto piccola, ESTIRPA dal tuo cassetto dei costumi il triangolo semplice.

Non offre sostegno, non avvolge il seno e sta bene a davvero poche persone.

Esistono numerose varianti: triangolo con ferretto o triangolo a vela, che avvolgono e sostengono molto più che il semplice triangolino.

 

 

2. L’elasticità del costume cede con il tempo!

Quindi anche se ti senti un salame strizzato negli slip che stai provando, tieni presente che l’elastico si ammorbidirà subito dopo il primo utilizzo e il costume diventerà più comodo.

Se scegli una taglia troppo morbida in camerino, corri il rischio di trovarti mezza nuda al primo tuffo in piscina!

Per sapere di quanto potrà cedere, controlla la composizione del tessuto in etichetta: maggiore la percentuale di elastan, maggiore la perdita di elasticità con il tempo!

Se hai dubbi, fatti consigliare da un esperto:

Qui trovi la lista dei migliori negozi di costumi in Italia…dacci un occhio!

 

 

3. Lo slip coi fiocchetti se hai in fianco largo: NO GRAZIE.

Un classico: ho il fianco largo e non voglio uno slip che non mi stringa troppo. Cosa scelgo? Quello che si allaccia lateralmente così lo posso regolare a mio piacimento.

ATTENZIONE!

Può essere un’ottima idea! A patto che li allacci con un nodo e li faccia scendere lungo i fianchi. Se, malauguratamente, ti venisse in mente di fare un bel fiocco, sappi che il rischio sarebbe quello di sembrare una caramellona gigante.

E tu non vuoi che i tuoi vicini di ombrellone ti scambino per questa cosa, vero?

 

4. Forse non ti hanno detto che le righe orizzontali allargano?

Lo so che c’è sempre il costume a righine, quello bianco e blu, un po’ marinaro, che ti attrae tanto. Già ti immagini su una barca a vela al tramonto, flute in mano…

Il mio compito è riportarti alla brutale realtà: le righe orizzontali allargano. Tutte le grafiche con tendenza orizzontale lo fanno. Se poi scegli una culottes pensando “copriamo lo scempio della cellulite” rischi di ottenere l’effetto contrario, cioè che tutta l’attenzione ricada proprio lì.

Se hai una taglia abbondante sugli slip, ti prego di evitare certe grafiche. Lo dico per te!

Meglio uno slip, se vuoi non troppo sgambato, ma a sufficienza per creare l’effetto ottico di allungamento della coscia. E se sei in dubbio, scegli tinta unita o una piccola fantasia floreale.

Tanto il mix and match funziona sempre, scegli le righe per per valorizzare di più il seno rispetto ai fianchi.

 

 

5. Intero senza ferretto? Solo se sei Pamela Anderson

A meno che tu non abbia il vezzo di cambiare un paio di taglie di reggiseno ogni anno, ti consiglio di scegliere un costume intero che abbia un ferretto all’interno o coppe preformate o l’elastico per sostenere il seno. 

Nei migliori costumi, può cambiare l’elasticità del tessuto tra la coppa e le altre parti, per offrire sostegno solo nei punti dove serve e lasciare il resto in un tessuto più morbido e confortevole.

Oppure preferisci sembrare la tavoletta galleggiante che la Pamela si porta appresso?!

 

 

 

 

 

 

6. Le rouches sul reggiseno se hai un seno abbondante

Se hai una coppa superiore alla D, non hai bisogno di evidenziare maggiormente il seno. Si suppone che sia già evidente. Le rouche sul reggiseno, di solito, hanno questa funzione: aumentare la percezione del volume.

Ti consiglio di lasciarlo a chi ne ha più bisogno e optare per tessuti lisci, intrecci e decori differenti!

Ricorda che tutte le decorazione con un effetto texture evidente (rouches, paillettes, perline, ricami…) aumentano la percezione del volume dell’oggetto stesso.

 

 

7.  La brasiliana è sottovalutata

Povera brasiliana! In molti la bistrattano, pensando che stia bene solo a pochissime elette.

Quelle con i sederi piccoli, tondi, sodi, in cui la cellulite non fa presa.

A parte che questa è un’idealizzazione bella e buona di fondoschiena praticamente inesistenti, la brasiliana va evitata in caso di fondoschiena particolarmente prosperoso o se siete molto timide.

In molti casi la brasiliana funziona meglio di quanto non si creda. La sgambatura cosiddetta a farfalla di questo tipo di slip, infatti, può valorizzare molto anche glutei poco pronunciati.

Insomma, sì alla brasiliana se hai un sedere “piatto” perché ti aiuta a creare un effetto ottico di rotondità.

 

 

E non dimentichiamoci gli accessori!

Ma forse per quelli serve un post a parte….

Quali e quanti di questi scempi hai visto in spiaggia? E quanti altri che non abbiamo menzionato?

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *